Una dieta vegetariana riduce pressione e rischio cardiaco

Una dieta vegetariana riduce pressione e rischio cardiaco
Ora, arrivano i risultati scientifici a dimostrarlo, frutto di oltre 60 anni di ricerche e monitoraggi, grazie a quanto pubblicato dal Centro Nazionale cerebrale e cardiovascolare di Osaka.
 
I dati estrapolati da 258 ricerche realizzate a partire dagli anni '50 e su un campione di ben 22.000 soggetti, dimostrano che i vegetariani, rinunciando alla carte, hanno una presione sistolica (massima) di 7 mmHg più bassa e una pressione diastolica (minima) di 5 mmHg rispetto a chi mangia invece la carne.
 
Assumere frutta e verdura, aiuta il corpo a restare efficiente e pulito. La carne, infatti, è un prodotto difficilmente digeribile per l'intestino umano che invece è perfettamente progettato per assorbire frutta, verdura e cereali.

Ti consiglio inoltre di leggere l'articolo Ecco i 3 legumi assolutamente da mangiare
 
Precedente Salone Agroalimentare Ligure 2014, al via la decima edizione
Successiva Masterchef: I migliori insulti di Bastianich della prima stagione

Commenti e domande