Scarcelle Pasquali pugliesi

Ricetta, Informazioni, ingredienti e consigli per preparare Scarcelle Pasquali pugliesi

Scarcelle Pasquali pugliesi

Hai cucinato questa ricetta? Pubblica la tua foto. Invia a info@mezzokilo.it

Ti piace questa ricetta?

Scarcelle Pasquali pugliesi: dolci fragranti e saporiti di origine Pugliese!

Le Scarcelle sono dolcetti di origine pugliese, semplici e genuini, preparati in occasione della Pasqua. Secondo la tradizione, queste piccole bontà vengono impastate, cotte e infine confezionate per essere regalate da mamme e nonne, ai bambini golosi! Sono spesso decorate con motivi pasquali e con uova colorate, così da sembrare ancora piu' allegri e fantasiosi. Si racconta che il loro significato fosse legato al messaggio di una nuova vita e che venissero cucinati nella settimana santa. Durante quei giorni, infatti, il profumo delle Scarcelle era solito diffondersi per le strade e le case pugliesi. Le scarcelle sono semplicissime da preparare, anche per chi è meno abile in cucina. Mezzokilo ha il piacere di farvi conoscere altre golose ricette Pasquali come il casatiello dolce napoletano e la pastiera napoletana, che è tradizione preparare il giovedì che precede la Pasqua. Non ci resta che augurarvi.. Buona Pasqua!

Ingredienti

  • 550 gr di farina
  • 200 gr di burro
  • 200 gr di zucchero
  • 9 uova e 1 tuorlo
  • 1 bustina lievito per dolci
  • essenza di arancia o vaniglia

Preparazione

Step 1

Impastare la farina, il burro, lo zucchero, le uova, il lievito per dolci e l'essenza, amalgamando con energia tutti gli ingredienti. Ponete l'impasto per circa 30 minuti in frigorifero, avvolto in una pellicola trasparente da cucina.

Step 2

Lessate 6 uova. Dividete l'impasto in 6 parti. Date ad ogni parte di impasto, la forma che volete e trasferitele poi in una teglia rivestita con carta da forno. Disponete al centro di ogni Scarcella, un uovo sodo fermandolo con due strisce di impasto. Spennellate con il tuorlo e riempite di confettini colorati.

Step 3

Infornate a 180° per circa 15 minuti fino alla doratura.

Commenti e Domande