La Pasta alla Norma: tipico piatto della tradizione siciliana


La Pasta alla Norma: tipico piatto della tradizione siciliana

La Pasta alla Norma: tipico piatto della tradizione siciliana



Se siete stati in Sicilia avrete sicuramente mangiato la Pasta alla Norma, uno dei tipici piatti della tradizione culinaria siciliana e più precisamente catanese. Il nome di questo piatto, si dice che derivi da una buffa esclamazione fatta nel 1920 dal noto commediografo Nino Martoglio che, durante un pranzo a casa dell’attore teatrale Janu Pandolfini, esclamò Â“Questa è una Norma!”, per descrivere, paragonandola all’omonima opera di Vincenzo Bellini, la straordinaria squisitezza della pietanza.

Questo gustoso piatto di pasta, viene preparato con pochi e semplici ingredienti che, per questo motivo devono essere di primissima qualità. Occorre chiaramente della pasta (solitamente maccheroni), delle melanzane che verranno poi fritte, della ricotta salata, del pomodoro e del basilico, tutti ingredienti che racchiudono al meglio i vari sapori e profumi della splendida Sicilia.

Ecco la ricetta per un’ottima Pasta alla Norma. Ingredienti per 4 persone:

  • 350 gr di penne rigate o maccheroni
  • 500 gr di pomodori perini
  • 1 grossa melanzana
  • ricotta salata da grattuggiare
  • basilico
  • 1 spicchio d'aglio
  • olio extra vergine di oliva

Preparazione:

Tagliate la melanzana a fette spesse 1 cm e, con un pò di sale e un peso sopra, disponetela in uno scolapasta per un'ora. Passate i pomodori nel passatutto e fate rosolare l'aglio in una pentola con un filo d'olio. A questo punto aggiungete la passata, il basilico, sale e lasciate cuocere per circa 15 minuti.

Friggete le melanzane in abbondante olio, tagliatele a listarelle (a parte un paio che ci serviranno per decorazione) e aggiungetele al sugo.

Cuocete la pasta e aggiungetela nella pentola del pomodoro e delle melanzane. Versatela nei piatti, guarnite con la fetta di melanzana lasciata prima da parte e spolverate con abbondante grattuggiata di ricotta salata.

Non mi resta che aggiungere... Buon appetito!

Precedente Buon cibo e buon sesso: cocktail vincente.
Successiva Puglia: dieci pizzerie raccomandate per palati fini.

Commenti e domande