Allarme nei supermercati, italiani a rischio: il Ministero della salute impone il ritiro urgentissimo

All’interno dei supermercati è scattato l’allarme dopo un richiamo alimentare imposto dal Ministero della Salute. Nel mirino delle autorità un famoso prodotto alimentare.

Vi siete mai chiesti quali siano i processi ai quali viene sottoposto un prodotto prima della vendita? Tanti, i produttori lo sanno bene, ma se un alimento o un bevanda devono superare diversi step prima di essere immessi sul mercato principalmente è per tutelare la salute dei cittadini.
I controlli che vengono effettuati non riguardano solo la materia prima; gli impianti di produzione devono esser a norma, le confezioni sicure e capaci di conservare il prodotto il più a lungo possibile e le etichette.

richiamo

Le etichette diventano fondamentali non solo perché permettono di conoscere dove l’alimento è stata confezionata, quindi quanto ha viaggiato prima di essere acquistato, e quali sono gli ingredienti presenti. La lista degli ingredienti deve seguire un ordine ben preciso, da quello contenuto in maggiore percentuale a quello presente in minime quantità. Infine, sempre nell’etichetta vengono indicate informazioni aggiuntive fondamentali per la salute del consumatore finale. Se tutto questo non viene rispettato il benessere dei cittadini viene messo in pericolo.

Richiamo alimentare urgentissimo

Nell’ottica della tutela dei consumatori, le autorità e le aziende produttrici stesse effettuano dei controlli per verificare che tutto il processo di produzione e di messa in vendita degli alimenti e delle bevande funzioni alla perfezione. A volte capita che emerga un problema e subito scattano le misure di protezione. Così il Ministero della Salute ha imposto un altro richiamo alimentare.

Il rischio rilevato riguarderebbe proprio l’etichetta; all’interno del prodotto ritirato sarebbe stata trovata la presenza di mandorle senza che però questo ingrediente venisse riportato nelle informazioni fondamentali. Il rischio della presenza di allergeni non dichiarati è il motivo principale che ha spinto le autorità a ritirare la bevanda dal mercato.
Il ministero invita coloro che sono già in possesso di questa bevanda a riportare la confezione nei punti vendita che provvederanno al cambio oppure al rimborso. Il richiamo è stato disposto per proteggere i soggetti allergici alla mandorla. Per tutti gli altri consumatori non allergici il prodotto non costituisce alcuna minaccia per la salute.

Leggi anche -> Cifre da capogiro per i dipendenti dei supermercati: ecco la categoria che guadagna di più

La bevanda interessata dall’azione dello Stato è Cocktail Mai Tai di 100 ml prodotto da Nio Cocktails; si tratta di una bevanda alcolica con un volume del 25,5% la cui vendita è indirizzata alle persone con più di 16 anni di età.
Ulteriori controlli da parte dell’azienda produttrice e delle autorità potrebbero essere effettuati anche nel periodo successivo al ritiro.

Leggi anche -> Lorenzo Biagiarelli perde la testa, commento senza freni dopo aver mangiato la pizza di……