Oishi Japansese Kitchen, il primo locale in Italia apre le porte agli NFT; cosa sono

0
352

Arte e cucina sono due concetti molto più vicini di quanto si possa pensare, entrambi puntano a regalare un’esperienza unica e inimitabile partendo da un concetto.

A Pescara esiste un ristorante fusion che ha deciso di coniugare la cucina orientale insieme all’arte e il risultato è veramente incredibile. Il ristorante in questione è il Oishi Japansese Kitchen di Pescara. Il locale è ben curato e ogni dettaglio è inserito alla perfezione nell’insieme: architettura e complementi di arredo creano un’atmosfera elegante e orientale.

I piatti sembrano essere pensati e costruiti con la stessa maestria con cui è stato pensato lo spazio circostante e siamo certi che l’esperienza offerta ai clienti è veramente unica. Il menù presenta al suo interno piatti già noti agli amanti della cucina ma presentati ed elaborati in modo sicuramente differente non commerciale.

Oishi e la vera novità del ristorante

Oishi, oltre per la sua ricchezza culinaria, si differenzia per una pensata niente male: ha aperto per la prima volta le porte agli NFT. Si tratta di token unici e non replicabili che stanno avendo un successo incredibile, molti infatti pensano che prenderanno il posto delle criptovalute grazie alla loro impossibilità di essere replicati e quindi all’alto livello di sicurezza. Ma cosa ci fanno gli NFT all’interno di un ristorante di sushi?

Leggi anche -> Maria De Filippi, mangia spesso caramelle al limone: ecco tutta la verità

Oishi darà la possibilità di acquisire un NFT Utility, ovvero un gettone virtuale che rappresenta l’atto di proprietà e il certificato di autenticità, registrato sulla Blockchain, un sistema crittografico e decentralizzato che permette la registrazione di un bene unico, in questo caso un’opera d’arte creata in collaborazione con il digital artist abruzzese Pierpaolo Barnabei in arte FRUTTI”, si legge sul sito ufficiale del ristorante/ galleria d’arte.

Leggi anche -> Una pizza che costa 8.300 euro: esiste davvero ecco dove si mangia

Quindi il cliente non solo si immergerà in una esperienza culinaria, ma avrà la possibilità di acquistare delle opere d’arte contemporanea. L’acquisto di questi token permetterà anche di accedere ad alcuni servizi esclusive e ad attività come degustazioni dedicate e percorsi gustativi.

Oishi

Infine, i proprietari del NFT utility avranno accesso a piatti fuori menu, sconti riservati, possibilità di pagare in cripto valute e l’accesso ad una community esclusiva per essere sempre in contatto diretto con lo staff e la proprietà: insomma, a tutti gli effetti un pass che vi farà sentire gli unici clienti del ristorante.

Oishi