Succo di frutta, come scegliere il migliore del supermercato? Tutti i consigli utili

0
141

L’estate è sempre più vicina, ma il caldo già ha invaso l’Italia. Durante questo periodo gli italiani comprano il miglior succo di frutto

Da maggio in poi c’è un incremento di vendite di succhi di frutta. Gli italiani devono conoscere con certezza tutti i valori nutrizionali per scegliere quello migliore.

succo di frutta

Ormai in commercio ci sono tante varianti: per esempio Ace, arancia, ananas, mirtillo, pesca e albicocca, solo per citarne qualcuno. In Europa mediamente si beve un succo di frutta al giorno visto che fa molto bene come alimentazione.

Da maggio in poi, soprattutto con il periodo estivo, si beve sia al mattino con la colazione o durante lo spuntino. Ce ne sono tantissimi in vendita e quindi bisognerà saper scegliere il migliore, in cui è presente davvero la frutta. Molti non sono così genuini visto che si tratta di estratto del frutto convertendolo in succo per poi imbottigliarlo.

Spesso viene anche allungato con una miscela di acqua e zuccheri, come sciroppo di glucosio oppure saccariosio. Per evitare così errori c’è una regolamentazione di una normativa, che dovrebbe essere presa alla lettera da parte dei produttori, utilizzando anche un succo di frutta adeguato.

Succo di frutta, il consiglio per quello migliore

succo di frutta

Massimiliano Dona, segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori, ha svelato durante i suoi soliti video su TikTok, i consigli principali per scegliere quello migliore. Inizialmente non bisogna fare troppo affidamento alle immagini sulle confezioni che sono prettamente di fantasia. Bisogna leggere bene le indicazioni capendo a quale delle quattro categorie il nostro succo appartiene: la prima è 100% frutta significa che è senza l’uso di aromi e conservanti, ma soltanto frutta e spremuta. Si tratta della combinazione più rara ma preziosa. La seconda è nettare di frutta: qui la percentuale di frutta scende tra il 25% e il 50%, mentre il resto è composto da acqua e zucchero.

La terza categoria è “bevanda a base di frutta” dove c’è soltanto il 12% di frutta: infine, “bevanda al gusto di” sono i prodotti peggiori in assoluto visto che la frutta non l’hanno mai vista in fotografia ed è soltanto acqua zuccherata con aromi per dare il gusto della frutta. Consigli utili a cui bisogna fare tanta attenzione in vista delle varie scelte che ogni giorno possiamo compiere al supermercato. Così la decisione non è così semplice: bisognerà conoscere con certezza ogni particolare per non incorrere a sbagli. Attenzione sempre a scegliere il meglio per il vostro corpo.

succo di frutta