Bignè di San Giuseppe, ecco la ricetta che sorprenderà tutti i papà del mondo

0
1124

La festa del papà è finalmente arrivata, quale modo migliore per celebrare i padri di tutta Italia se non con un buon dolce?!

La cucina è sempre il modo migliore per celebrare qualcuno di importante; ogni ricorrenza rappresenta una buona scusa per mettersi in cucina e preparare qualcosa di buono. Un gesto d’amore condiviso con le persone del cuore.

bignè

Se siete alla ricerca di una ricetta che potrebbe rendere felici il papà di turno, ecco una ricetta gustosa e tipica che potrete preparare per l’occasione. Si tratta di un dolce tipico di Roma e provincia che può essere cucinato al forno oppure fritto. Stiamo parlando dei bignè di San Giuseppe.

Bignè di San Giuseppe: la ricetta

I bignè di San Giuseppe sono sono perfetti per la festa del papà, e non solo. Se vi trovate a Roma potete andare in giro per le pasticcerie della Capitale alla ricerca dei dolcetti ripieni. Se invece vi trovate in un’altra città o preferite prepararli con le vostre mani ecco gli ingredienti che vi servono:

  • 150 grammi di farina 00;
  • 250 ml di acqua;
  • 50 grammi di burro;
  • 4 uova;
  • scorza di limone grattugiata;
  • un pizzico di sale.

Ecco il procedimento: per prima cosa mettete in un pentolino l’acqua, il burro, lo zucchero e il sale portando a ebollizione; aggiungete la farina e mescolate fino a quando non avrete un impasto denso che si staccherà da solo dai bordi del tegame; spegnete la fiamma, lasciate raffreddare l’impasto e aggiungete le uova uno per volta; lasciate riposare l’impasto coperto da un panno per circa 30 minuti poi passate alla cottura.

Prima di decidere se cucinare i bignè fritti o al forno, dovrete creare delle palline con l’impasto scegliendo tra du modi differenti, il primo un po’ casereccio, il secondo più tecnico: aiutandovi con due cucciai potrete creare delle palline, oppure, potrete trasferire il composto in un sac a poche e procedere con la suddivisione del composto in piccole palline.

A questo punto non vi resta che decidere se friggerli in olio bollente all’interno di un pentolino, oppure cucinarli al forno a 200° per circa 30 minuti fino a quando le vostre palline di impasto non saranno gonfiate e diventate dorate. Farcire con una semplice crema pasticcera e servire.

Se vi trovate a Roma potrete trovarli nella famosa pasticceria Bompiani, di Walter Musco; oppure a Casa Manfredi, importante laboratorio artigianale; da Roscioli – Cafffè Pasticceria; Pasticceria Gruè, un progetto di Marta Boccanera e Felice Venanzi e al Forno Monteforte.