Sai che carne usano per fare la Bresaola della Valtellina? La risposta è terribile

0
364

Sapete come viene fatta la bresaola della Valtellina, ma sopratutto che carne viene usata. Sicuramente anche voi l’avrete mangiata.

Avete mai sentito parlare dello zebù o bos taurus? Si tratta di un bovino molto simile alla mucca con una gobba. La sua carne viene utilizzata per produrre un salume molto amato e inserito all’interno di molte diete per essere una carne magra.

A farci conoscere il nome di quest’animale tipico delle zone tropicali è stato Mattia Asperti meglio conosciuto come Sommelierdivino, un sommelier di professione che attraverso Tik Tok svela curiosità interessanti sul mondo del cibo e del vino ovviamente. Ma torniamo allo zebù, ecco cosa abbiamo scoperto.

La carne di zebù e il salume che non ti aspetti

Lo zebù è un animale molto simile alla mucca tipico degli ambienti tropicali. La sua carne viene impiegata per la produzione di bresaola, un salume molto magro. Spesso la bresaola viene inserita all’interno delle diete per il suo apporto proteico e l’assenza di grassi. Il salume è tipico della Valtellina, suona strano sentir parlare di zebù tipico di ambienti tropicali.

Come ha spiegato brevemente Mattia Asperti la produzione di bresaola è superiore rispetto ai bovini presenti sul territorio. Per questo motivo si fa ricorso alla versione brasiliana o argentina. Non può mancare il consiglio sull’abbinamento perfetto con un bicchiere di Valtellina superiore. Ovviamente in questo caso mancheranno le diciture Igp e Dop, riconoscimenti che tengono conto di numerosi fattori come il territorio di provenienza. I prodotti che possono vantare il riconoscimento Igp sono tutelati dal Consorzio di Tutela Bresaola della Valtellina.

 

@ilsommelierdivino Lo sapevi che la bresaola della Valtellina… #ilsommelierdivino #wine #salumi #bresaola #valtellina ♬ suono originale – Mattia Asperti

 

Abbiamo cercato di approfondire l’argomento bresaola provando a comprendere il processo di produzione di questo salume pregiato e raffinato. Ovviamente la bontà è strettamente collegata al taglio impiegato; la punta d’anca è la parte migliore. Dopo avere selezionato il taglio si passa alla lavorazione. La carne viene privata di tutte le sue parti grasse e immersa in un miscuglio di sale e spezie per circa due settimane. Successivamente viene fatta essiccare all’interno di un budello per passare alla fase dell’asciugatura per finire con la stagionatura.

La bresaola è un salume nobile sia per la tipologia di lavorazione a cui viene sottoposta, sia per i tagli di carni utilizzati. Viene spesso impiegata per completare le insalate ma può essere gustata in numerosi modi. Anche al naturale, dato l’elemento di pregio, dà molte soddisfazioni al palato.