Antonella Clerici gioisce in diretta e la felicità contagia tutto lo studio: ecco il motivo

0
293

La finestra di È sempre mezzogiorno e i suoi chef sono dei veri e propri portatori di buon umore e buone ricette.

Sofia Goggia vince la coppa di discesa libera e Antonella Clerici festeggia in diretta: “Evviva“!, urla mentre Fulvio Marino introduce la ricetta che preparerà alla fine della puntata. Quella di oggi è una grande puntata e per mantenere alto l’umore ci si impegna: Antonella fa da motivatrice e Alfio Bottaro le sta dietro.

sempre mezzogiorno

Con una puntata così non può mancare Daniele Persegani, la botta di allegria e simpatia che serve quando tutte le cose vanno male. Alfio con uno scatto non proprio felino si alza dalla sua postazione per corrergli incontro, conseguenza dell’atmosfera di ilarità che circola nello studio di È sempre mezzogiorno.

È sempre mezzogiorno, un’allegria contagiosa

È sempre mezzogiorno riesce sempre a mettere allegria grazie alle ricette strepitose proposte dagli chef e alla padrona di casa che non si tira mai indietro ed è sempre pronta a a mettersi in gioco. Daniele Persegani propone un piatto ricco e carica: trippa fritta con salsa alle erbe.
Natalia Cattelani come sempre propone un dolce che in questo caso si trasforma in un simbolo di pace: cheescake ucraino.

Ingredienti:

  • per l’impasto: 500 g di fiocchi di latte, 150 g di zucchero, 3 uova, 40 g di uvetta, 100 g di semolino, 100 g di farina, 100 g di burro fuso per impasto, scorze di arancia e limone, 1 noce di burro per imburrare;
  • per decorare: 150 ml di panna montata zuccherata, 120 g di mirtilli, 1 banana, succo di limone;
  • per la cialda croccante: 60 g di zucchero, 30 g di panna, 20 g di miele, 15 g di burro, 25 g di amido di mais, 60 g di mandorle a lamelle.

La zia Cri prende posto per preparare una ricetta che farà discutere in studio: le crescentine o tigelle, dipende dalla parte dell’Emilia Romagna in cui vi trovate. Una di quelle ricette che presenta numerose variazioni, ogni famiglia ha la sua. C’è chi preferisce il termine tigella, a casa di Persegani la versione è fritta, a Sassuolo terra di Natalia Cattelani usano ancora il metodo antico che vuole le crescentine cotte in recipienti di terra cotta vicino al camino. Un piatto che scatena un vero e proprio derby di cucina.

Questa la ricetta: 500 g di farina 0, 10 g di lievito di birra, 2 cucchiai di olio, 1 cucchiaio di strutto, 8 g di sale, 150 ml di acqua, 150 ml di latte .
Un po’ di culatello, di formaggio e la merenda di Antonella è pronta!