Insonnia, i problemi degli italiani dopo la pandemia: i dati curiosi e sconvolgenti

0
545

L’emergenza Coronavirus ha sconvolto la vita degli italiani: ecco i principali problemi per gli italiani, le curiosità sull’insonnia

insonnia-problemi

Per tanti mesi gli italiani hanno dovuto fare i conti con la pandemia per Coronavirus. Tanti i problemi che sono stati evidenziati nel corso di questi due anni, come testimoniano i dati. E questo è testimoniano  anche dai dati con i casi di insonnia come dimostrato dal +22% degli italiani che non riescono più a dormire come prima. Inoltre, +128% quelli con un sonno di qualità insoddisfacente pari a 18 milioni di persone, come riportato dal progetto “Lost in Italy” (LOckdown and lifeSTyles in Italy).

Leggi anche –> Hai mai provato il pane marocchino cotto in padella: ecco la ricetta del Batbout facile

Così anche l’alimentazione può avere effetti positivi sul sonno, così come quello di scegliere una grande tazza di latte prima di mettere la testa sul cuscino. Come svelato dalla dottoressa Michela Barichella, presidente di Brain and Malnutrition in Chronic Diseases Association, bere latte è utile perché “l’amminoacido essenziale in grado di alzare i livelli di serotonina e melatonina, uno pseudo-ormone che modula il ritmo sonno-veglia, un vero e proprio sedativo naturale”. Gli italiani svolgono, inoltre, poca attività fisica e consumano poco latte come testimoniano dal 77% delle persone.

Insonnia, le abitudini degli italiani: le curiosità

insonnia

Anche lo studio dell’Osservatorio nutrizionale Grana Padano ha voluto mettere l’accento sulle abitudini degli italiani per quando riguarda la cena. Le bevande eccitanti, per esempio, possono essere deleterie per la notte: inoltre, il 47% ha ammesso che cena in meno di 20 minuti, mentre il 26% mangia tanto andando anche oltre. L’89% ha svelato che beve caffè e il 62% di questi ne beve due o tre tazzine al giorno.

Leggi anche –> Lutto nel mondo della ristorazione italiana, ci lascia un grande chef amato da tutti

Infine, è utile anche bere una tisana o latte caldo almeno 30 minuti prima di andare a dormire così come porterà benefici anche un bagno caldo. Molto utile anche non andare a sdraiarsi due ore prima della fine della cena in modo da far digerire il pasto: bisognerebbe fare anche tanta attività fisica almeno mezz’ora al giorno, soprattutto nel pomeriggio. Curiosità importanti per non avere problemi con l’insonnia: soprattutto dopo la pandemia, gli italiani si sono lamentati di tutto ciò avendo così problemi col sonno. L’emergenza Coronavirus è sempre presente, ma gli italiani stanno cercando di ritrovare la loro quotidianità.

insonnia pandemia