Prosciutto cotto, ecco come scegliere il migliore al supermercato. Le raccomandazioni

0
163

Il prosciutto cotto di buona qualità si può acquistare anche al supermercato dove la scelta è ampia. Ecco come scegliere il più adatto a voi.

Il prosciutto cotto è uno degli affettati che difficilmente manca nelle case degli italiani. Profumato, leggero e ottimo per le merende da proporre anche ai bambini si rivela sempre un alimento buono in diverse occasioni. A chi non piace gustare una fetta di pane tostata con del prosciutto profumato e gustoso?

prosciutto

Quando si parla di affettati la polemica è sempre dietro l’angolo, ma per evitare di compiere delle scelte sbagliate è necessario essere consapevoli di alcuni piccoli accorgimenti che vi permetteranno di acquistare i prodotti migliori tutelando la vostra salute e il mercato italiano. Ma come acquistare il migliore? A spiegarlo è l’avvocato Massimiliano Dona.

Prosciutto cotto, come scegliere il migliore sul mercato

Sapevate che esistono diversi tipi di prosciutto cotto? Massimiliano Dona ve lo spiega chiaramente dai corridoi del supermercato. All’interno di un supermercato è possibile trovare diverse tipologie di salumi, sia nel reparto frigo dove vengono esposti quelli confezionati, sia al banco della salumeria. In entrambi i casi è importante che il consumatore conosca le caratteristiche che contraddistinguono un buon prodotto da quello di fascia media e da quelli da evitare.

Per prima cosa dovete sapere che esistono 3 categorie di cotto: quello generico, quello scelto e, infine, quello di alta qualità“, spiega chiaramente l’avvocato. Dono prosegue la sua dissertazione sul perché è meglio scegliere quello di alta qualità: “Innanzitutto perché c’è meno umidità, quindi troverete meno acqua e più carne e più proteine“. Inoltre, come molti di voi sapranno, l’umidità non è un’amica del cibo perché facilita la proliferazione dei batteri. “Non fatevi ingannare da etichette fake, leggete per bene la lista degli ingredienti: più è corta meglio è“, prosegue Dona. In questo caso si riferisce agli insaccati confezionati nelle vaschette. In generale, non solo per quanto riguarda il prosciutto, le etichette andrebbero sempre lette e analizzate attentamente per evitare di essere tratti in inganno.

Infine, l’ultima cosa da analizzare è l‘aspetto. Questo secondo l’avvocato Massimiliano Dona deve essere roseo con delle striature ben evidenti. La consistenza, invece, deve essere friabile, un buon cotto si sbriciola facilmente. La scelta migliore da compiere è quella indirizzata nell’acquisto di un prosciutto prodotto in Italia la cui carne proviene da allevamenti italiani.
In fin dei conti scegliere un prodotto buono e di qualità è molto più semplice di quanto si possa immaginare.