Dolcificanti Naturali: 8 alternative valide e naturali allo zucchero bianco

Dolcificanti Naturali: 8 alternative valide e naturali allo zucchero bianco
Vuoi sostituire lo zucchero con prodotti alternativi ma altrettanto validi e buoni? Allora leggi questo articolo.

Lo zucchero raffinato, quello bianco per intenderci, è difficilmente assimilabile dal nostro organismo, con il risultato di produrre una quantità enorme di insulina che a sua volta induce la fame e quindi ci porta a mangiare di più.

Digerire lo zucchero raffinato, che in natura non esiste, richiede uno sforzo non indifferente per il nostro organismo che brucia vitamine e calcio nella fase digestiva. Vengono sottoposti a stress anche intestistino e stomaco, con notevole aumento di tutte quelle situazioni che portano a problemi digestivi e di gastrite.

Per renderlo bianco, quando in realtà in natura sarebbe più simile al grigio, viene trattato chimicamente mediante procedure diverse che alterano purtoppo la composizione dello zucchero, farcendelo di derivati chimici poco raccomandabili.

Scartando i dolcificanti industriali, ancora più chimici dello stesso zucchero raffinato, sono andato a cercare le alternative allo zucchero.

La regola, leggendo le diverse possibilità, è semplice: più il processo produttivo è semplice, più il prodotto risulta ricco a livello di nutrimento. I processi industriali e soprattutto quello chimici, eliminano purtroppo gran parte delle sostanze nutrienti, in principal modo vitamine e sali minerali.

Ecco quelle valide e interessanti.

1) Zucchero di Canna Non raffinato (integrale)


E' forse la scelta più ovvia ma fate attenzione: anche lo zucchero di canna viene spesso raffinato. Lo zucchero di canna naturale, denominato su alcune confezioni Integrale, ha un colore molto scuro e appare granuloso. Se lo trovate chiaro, è stato in parte raffinato.

Valori Nutrizionali Zucchero di Canna

E' un dolcificante molto ricco di ferro. Su 100 grammi, troviamo 0.5 grammi di proteine e 5 milligrammi di ferro.

2) Melassa

La melassa deriva dalla cottura dello zuccero.
Ha un valore energetico di 290 Kilocalorie per 100 grammi (contro le 400 Kcal dello zucchero).

Valori Nutrizionali Melassa

Lo zucchero della melassa è costituito da saccarosio, glucosio e fruttosio, con un mix altamete digeribile.
Contiene Sodio, calcio, magnesio, ferro e fosforo, vitamine e acido folico tra i principali elementi nutrizionali.
Tra gli elementi meno noti manganese e selenio.


3) Miele

Lo zucchero dell'epoca romana, il miele oltre ad essere un dolce naturale, ha il vantaggio di portare nel nostro corpo sostanze nutritive importanti che addirittura aiutano a migliorare il nostro metabolismo come acidi organici, sali minerali e fruttosio.

E' molto dolce e in base alla tipologia, offre diversi sapori. In diversi casi non può sostituire lo zucchero in quanto il sapore interferirebbe con la ricetta che stiamo cucinando.

Il miele è uno dei pochi alimenti dolci naturali da mangiare anche cosi com'è.


4) Sciropo d'acero

Il famoso sciroppo d'acero, comune negli Stati Uniti, è un dolcificante naturale, estratto dalle piante d'acero che offre vitamine e sali minerali oltre che un sapore dolce che ben si adatta ai dolci.

Si produce bollendo semplicemente la linfa dell'acero da zucchero e dell'acero nero.

Valori Nutrizionali Sciropo d'acero

In termini nutrizionali apporta al nostro orgasnimo elementi come acido malico, calcio, ferro e potassio oltre a vitamine e componenti fenoliche.

5) Sciroppo di Cereali come Riso, Mais


Lo sciroppo di riso si ottiene facendo bollire il riso ed estraendo
Lo sciropo di Mais contiene elevate quantità di amminoacidi, potassio, sodio e magnesio.

Ottima alternativa allo zucchero dal sapore quasi neutro.

6) Malto d'orzo
Il malto d'orzo ha un processo produttivo molto semplice ed ecosostenibile. Si ottiene bollendo l'orzo essicato e germinato.

Ottimo sostituto dello zucchero.


7) Succo d'Agave
Il succo di Agave, pianta grassa molto diffusa in Agrica e America, offre un succo di colore bianco ricco di sali minerali. Si estrae dalle foglie, con un processo produttivo molto semplice, che non richiede l'utilizzo della chimica industriale.


8) Stevia
Originario del Sdu America, la Stevia è una pianta a foglie larghe dalla quale si ricava la polvere di Stevia.
La Stevia non è solubile e quindi poco pratico per alcuni utilizzi.
Non è la mia preferita visto la sua impronta poco ecosostenibile e le difficoltà di gestione.
Precedente 7 alimenti comuni che ti allungano la vita
Successiva 5 motivi per evitare e odiare Olio di Palma e prodotti che ne fanno uso

Commenti e domande