Bruno Barbieri, la confessione delicata sul suo passato: “Mio padre non mi voleva”

Un confessione che ha spezzato il cuore ai fan quella di Bruno Barbieri in un’intervista al Corriere della Sera.

Se c’è un nome del mondo della cucina e della televisione che mette sempre d’accordo tutti, questo è quello di Bruno Barbieri. lo chef stellato si è fatto conoscere al grande pubblico grazie alla partecipazione come giudice di Masterchef Italia, fin dalla prima stagione. I telespettatori si sono innamorati della sua simpatia, il suo karisma e i suoi outfit sempre sgargianti ed eccentrici.

Tuttavia anche le persone più gioviali e sempre con il sorriso possono nascondere un passato difficile e doloroso e Barbieri ha svelato dei retroscena drammatici in un’intervista al Corriere della Sera, che ha stupito tutti i fan, anche quelli più appassonati e informati. Scopriamo che cosa ha confessato lo chef Barbieri.

Bruno Barbieri confessa il rapporto disastroso con il padre

Nell’intervista al Corriere della Sera, Bruno Barbieri ha parlato con il cuore in mano, del suo passato, della sua famiglia, del rapporto con i genitori e con i concorrenti di Masterchef, in cui lavora come giudice da più di dieci anni e undici edizioni! La sua presenza nel programma è ormai una certezza per i fan del cooking show, che non vedono l’ora di vederlo comparire sullo schermo.

Leggi anche–>Ristorante cinese, cosa non fare a tavola: gli errori da non commettere

Lo chef Barbieri viene dall’Emilia Romagna, come tutti sanno, e ci tiene molto alle sue origini, soprattutto dal punto di vista culinario: i tortellini sono il piatto che nessun concorrente di Masterchef dovrebbbe mai sbagliare di fronte allo chef, non a caso. La sua era una famiglia semplice: la mamma lavorava nel settore tessile ed è da lei che Bruno ha preso la passione per la moda e il talento nel taglio e cucito. “Moda e cucina poi per certi versi non sono così distanti, sono un lavoro di ricerca continua, sperimentazione, conoscenza del passato con lo sguardo rivolto al futuro” – ha raccontato nell’intervista.

Leggi anche–>Lutto nel mondo della cucina: grande rammarico, senza di lei non sarà più lo stesso

Ma è parlando di suo padre che lo chef ha toccato un tasto dolente. Con lui, infatti, il rapporto non era dei migliori: “Io e mio papà abbiamo sempre avuto visioni della vita all’opposto, lui mi voleva ingegnere e invece ho fatto il cuoco. Già questo dice tutto. Eravamo legati da un profondo amore che a volte non avevamo il coraggio di esprimerci l’un l’altro e alla fine eravamo diventati amici. È lui che mi ha insegnato che nella vita non bisogna mai mollare: io ho sempre avuto una gran voglia di arrivare e credo sia morto orgoglioso di quello che ho fatto.”

bruno barbieri