Burrata, storia del formaggio fresco più amato d’Italia

0
439

La burrata è uno dei formaggi freschi più amati e consumati nel nostro Paese, ma quali sono le sue origini e la sua storia?

La burrata è tra i formaggi freschi a pasta filata più gustosi e amati della nostra storia culinaria: spesso confusa con la mozzarella ma in realtà molto diversa nella storia, nel gusto e nella consistenza. La sua tipica forma a “sacchetto” contiene un ripieno super cremoso e morbido, che è la stracciatella e da qui la burrata prende il suo nome: dalla consistenza burrosa della stracciatella interna. Ma come si fa la burrata e come si abbina al meglio?

Burrata: come si fa e come abbinarla

Rispetto ad altri formaggi, la burrata è nata in tempi relativamente recenti: ha avuto infatti origine ad Andria, in Puglia, nel 1956, inventata da un noto casaro locale, Lorenzo Bianchino. Leggenda narra che quell’anno ci fu una grandissima nevicata che ha reso impossibile i trasferimenti di prodotti caseari, così Lorenzo pensò di conservare la panna in sacche di mozzarella dando così luce alla burrata pugliese.

Leggi anche–> Non buttare la bottiglia di plastica: utilizzala per fare un buon carpaccio di polpo

Il gusto di questo formaggio è molto più delicato rispetto a quello della mozzarella vaccina o di bufala, più vicino a quello del latte che a quello di un formaggio. L’interno, molto burroso e morbido ha un sapore leggero, mentre l’esterno è più intenso. La sua forma solitamente è a sacchettino, con chiusura apicale, spesso venduta avvolta in foglie aromatiche.

Leggi anche–> Cibo contro l’acne: cosa mangiare per curare la pelle al meglio

La burrata si può consumare da sola oppure abbinata a pomodoriniinsalata o ancora accompagnata ad un salume su una fetta di pane. Ottima anche per condire pasta o come farcitura per fiori di zucca o pasta ripiena come ravioli.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here