Carlotta Perego, il duro attacco dalle pagine di Cucina Botanica: tutta la verità

0
880

Compiere scelte etiche in cucina non è mai semplice, ma Carlotta Perego aka Cucina Botanica spiega bene come prendere decisioni giuste per l’ambiente.

Quando si parla di carne, di dieta vegetariana o di quella onnivora si aprono discussioni che coinvolgono altri aspetti della vita quotidiana di una persona. Essere vegetariani o vegani non è solo una scelta alimentare ma presuppone uno stile di vita mirato alla tutela, salvaguardia e rispetto degli animali.

Carlotta

Lo sa bene Carlotta Perego nota sui social come  Cucina Botanica. La food blogger esperta di cucina vegetale e di sostenibilità ha fatto di questa scelta uno stile di vita che racconta con chiarezza sui social network.

Carlotta Perego e uno stile di vita etico

Carlotta Perego utilizza le sue pagine social per promuovere e diffondere uno stile di vita etico e vegetale che abbia a cuore la cura dell’ambiente e quindi del pianeta. Recentemente ha dedicato alcune storie Instagram e un post a un argomento molto importante, quello degli allevamenti. L’argomento sta a cuore a molte persone, vegetariane, vegane e non e lo si evince dai numerosi commenti suscitati al di sotto della foto.

Leggi anche -> La dieta miracolosa del dottor Nowzaradan per perdere peso velocemente

La fattoria degli animali felici così come siamo abituati a immaginarla non esiste“, spiega Carlotta nelle sue storie Instagram. Secondo l’esperta di cucina vegetale, infatti, non può esistere un luogo felice se il presupposto è l’uccisione degli animali a fini alimentari.
Chi non riesce a rinunciare alla carne può scegliere quella proveniente dagli allevamenti non intensivi, ma sul lungo periodo, queste risorse avranno un costo elevatissimo. Un allevamento di questo tipo, infatti, richiede degli spazi enormi e le proporzioni tra quello disponibile e il consumo di carne non sussistono.
Secondo la Perego la carne oggi è un “di più” un alimento di cui si può facilmente fare a meno.

Carlotta

“… Sono arrivate tantissime domande, sulla soia, sui posti di lavoro, sulle foreste, sugli animali da allevamento che comunque devono mangiare, che non possiamo liberare per le strade… e infiniti altri argomenti… Ho pensato di creare questo post perché, così, chi ha delle domande può scriverle nei commenti, e chi sente di saper dare una risposta potrà scriverla sotto (io farò lo stesso) e darmi una mano nel far passare queste informazioni e renderle fruibili per più persone. So che possono essere argomenti un po’ divisivi e rischiosi da affrontare, per questo vi chiedo tutta la gentilezza e il rispetto possibile verso tutti. Grazie! Ps. Sì, la foto c’entra ben poco!”

Leggi anche -> Benedetta Parodi: spiazza tutti, lei lo fa in 30 secondi nessuno ci crede

Le persone incuriosite sono veramente tante, ma tra le domande più importanti ne emerge una che vale la pena riportare: “Ma alla fine la focaccia a Fiocco gliel’hai data?

Carlotta