Cosa si mangiava a Natale negli anni 80? Ecco il menù da ricordare e replicare

0
651

Quando arrivano questi giorni di festa, la domanda nasce spontanea in questo periodo; cosa mangiavamo a Natale quando eravamo bambini?

foto da canva

Come si fa a non pensare al Natale degli agli anni ’80? Impossibile non pensare con grande piacere questi anni d’oro, dove tutto era concesso. Erano anni dove si stava meglio, dove si poteva acquistare una macchina in contanti, dove si ascoltava la musica di Madonna, Michael Jackson e Whitney Houston.

Leggi anche–> A Roma non è Natale se non ci sono in tavola le puntarelle romane con il pesto di alici

Erano presenti le nostre care vecchie Lire, con 50 mila lire portavi via 10 buste di spesa fatta nei mercati rionali dove erano presi d’assalto, sopratutto in questi giorni di festa, i banchi erano allestiti come vere e proprie boutique di piaceri culinari.

Leggi anche–> Le alici marinate non le comprare; fatte in casa hanno tutto un altro sapore

Quindi noi del team Mezzokilo abbiamo pensato di replicare un menù degli anni d’oro, vogliamo anche solo con il pensiero farvi tornare indietro con il tempo e ricordare sempre quei momenti indimenticabili. Dove si stava veramente bene. Sicuramente ogni menù sarà diverso da un altro, noi cercheremo di ricordare piatti tipici delle famiglie degli anni ’80.

Nostalgia degli anni ’80? Ecco il menù di Natale che ci fa tornare bambini

  • Iniziamo dall’antipasto e cerchiamo di ricordare tra le tantissime cose quello più gettonate; olive al forno condite con la buccia d’arancio, capitone e anguilla, alicette marinate, insalata russa e capricciosa e le varie tartine miste, per finire il fantastico filetto di baccalà fritto.
  • Passiamo ai primi piatti che sono quelli più ricordati con piacere; spaghetti con pomodoro e tonno, penne alla vodka, stracciatella in brodo, tagliatelle al salmone e tortellini panna, piselli e prosciutto cotto.
  • Se penso ai secondi ho un pò più di difficoltà, il primo che mi viene in mente, un secondo piatto di terra è l’abbacchio al forno con le patate accompagnato dai carciofi fritti e puntarelle romane.
  • Infine per chiudere in bellezza il ricordo di queste feste degli anni d’oro, oltre i vari torroni, pandori e panettoni, non poteva mancare il Tartufone Motta, “Tartufon c’est bon, era il claim che tutti ripetevamo nella metà degli anni 80.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here