Flavio Briatore, l’idea che sconvolge Roma: adesso cambia tutto

Ancora una nuova idea per Flavio Briatore, da sempre un grande innovatore per la ristorazione: apre Crazy Pizza a Roma

briatore crazy pizza

Un nuovo progetto imprenditoriale per Flavio Briatore con l’idea di essere protagonista con il progetto ‘Crazy Pizza’ a Roma in via Veneto. Così ai microfoni de “La Repubblica” ha rivelato il suo sogno, ossia quello di far tornare la ‘Dolce Vita’ a Roma. Il primo è stato aperto a Porto Cervo, ma così il suo obiettivo è quello di far tornare a farla vivere: “Roma è la città più bella d’Europa ed è anche la migliore. E via Veneto è la via di Roma, lo è sempre stata, ma adesso non lo è più: è dormiente. Noi la sveglieremo: signori, ricomincia la dolce vita. Via Veneto poi è un brand dentro il brand”.

Leggi anche –> La figlia di Flavio Briatore ha un ossessione, proprio come il papà

Flavio Briatore, il suo obiettivo è far rinascere Roma

L’imprenditore italiano, celebre con le sue uscite anche in tv per quanto riguarda il Covid a causa di alcuni focolai scoppiati nei suoi ristoranti, ha rivelato: “Roma si cercherà di rilanciare così. Noi apriamo in via Veneto, e lì con noi aprirà anche Nobu, e poi stanno venendo 5-6 grandi hotel, Bulgari, il Four Season, è arrivato Soho House. I brand, i posti nuovi, questo farà tornare la voglia di vivere la città, creerà business, vita, posti di lavoro”. Successivamente ha svelato anche gli altri progetti  che ha in mente: “A Roma aprirà anche il Twiga, sulla terrazza dell’hotel Bernini, insieme al mio amico Bobo Bocca. A gennaio, inauguriamo il Crazy Pizza a maggio il Twiga”.

Leggi anche –> Flavio Briatore: approda a Porto Cervo con la sua “Crazy Pizza” nonostante tutte le critiche

Infine, ha svelato tutto il suo progetto anche per quanto riguarda i lavoratori dando modo di far guadagnare i tanti giovani: “Restituiremo molto alla città come posti di lavoro per i giovani. Presto faremo un open day: cerchiamo ragazzi tra i 22 e i 35 anni, 40 persone per il Crazy Pizza e 80 per il Twiga. I giovani devono lavorare invece di stare a casa con il reddito di cittadinanza. Li pagheremo in media duemila euro al mese.  Ci basta che puliscano le strade”.

Briatore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.