Flavio Briatore: approda a Porto Cervo con la sua “Crazy Pizza” nonostante tutte le critiche

0
282

Tutti in attesa per la nuova apertura del “crazy pizza” a Porto Cervo di Flavio Briatore, pizza molto discussa sul web.

Flavio Briatore
Foto da google

Flavio Briatore, nato il 12 aprile 1950, è un famoso imprenditore italiano, noto sopratutto per le sue numerose proprietà. Nei suoi vari locali, l’imprenditore si è buttato nel ramo della ristorazione aprendo due locali nel 2019 tra Monte Carlo, Londra ed ora anche in Costa Smeralda. Ovviamente si parla di pizze ultra chic dai gusti molto particolari e costosi. Porto Cervo, 9 luglio, in una terrazza affacciata sulla Marina, punto d’incontro  del jet set internazionale apre il “Crazy Pizza” altro locale dell’imprenditore piemontese.

Leggi anche–> Benedetta Parodi e il suo lutto, il mate: bevanda argentina dei vip

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Crazy Pizza (@crazypizza.portocervo)

Il locale può contenere fino ad un massimo di settanta persone, il menù sarà con le pizze classiche sottili e croccanti, preparate con un impasto senza lievito, ma ci saranno anche delle pizze “crazy” come: Pata Negra, mozzarella con tartufo bianco o nero. Nei menù si potrà trovare anche le insalate ricche e dessert fatti al momento. Ovviamente non mancheranno delle bottiglie costose di vini provenienti da ogni angolo d’Italia. Champagne molto rari e moltissimi cocktail firmati Crazy Pizza che ricorderanno il glamour della Dolce vita, come il Campo DI Fiori con vodka, mandarino e zenzero.

Leggi anche–> Fiori fritti, pronti in 10 minuti poke di quinoa senza glutine

Come capita spesso ci sono sempre molti disaccordi e critiche ricevute, almeno leggendo i commenti sul social network. un pò come accade allo chef Cracco e alla sua pizza rivisitata. Anche Crazy Pizza è stato bersagliato da molte critiche; la prima sono i costi troppo elevati. Per una semplice margherita il costo si aggira sui 15 euro a Montecarlo (25 euro invece a Porto Cervo), aggiungendo poi qualche fettina di prosciutto crudo il prezzo aumentata di quasi 10 euro. L’altra critica molto discussa è che la pizza sembra troppo sottile come una “fetta biscottata” come più utenti l’hanno definita. Nulla a che vedere con la pizza napoletana, così decine di commentatori fanno notare “quella è un insulto alla pizza”.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here