La Perla nascosta del Piemonte: la trattoria che vi lascerà senza parole

Trattoria Perla Café a Candiolo è un posto dove andare a colpo sicuro se si vuole essere certi di mangiare bene, spendendo il giusto. Beppe e Rachele, i proprietari e chef, riescono a trattare i clienti come in famiglia.

La Trattoria La Perla è un luogo conosciuto nel Piemontese: vanta infatti ben 31 anni di attività e a guidarlo ci sono Giuseppe Ghione e sua moglie Rachele. Si trova a Candiolo, a pochi chilometri da Torino, e quando arrivi sai già che non vivrai l’esperienza di una “semplice” trattoria. La cucina de La Perla è  sincera e onesta come i suoi proprietari, senza fronzoli (la salsiccia cruda di Bra è una delle cose più buone che si possono trovare), ma con un pensiero particolare alle materie prime, tutte di primissima qualità, mescolate tra loro da mani sapienti.

Beppe e Rachele coccolano i clienti con sapori puliti e non troppo artificiosi: i piatti infatti ti lasciano in bocca delle sensazioni ben definite che ti fanno gustare – e capire bene –  quello che mangi. Una cucina da ricordare abbinata ad una grande cantina di vini, anche quelli di qualità: quando si esce da La Perla sai già che ci tornerai, perché si torna sempre nei posti in cui sta bene.

Leggi anche: Bagna Cauda: dove mangiare la migliore a Torino e in Piemonte

Abbiamo intervistato Beppe che ci ha raccontato i segreti del suo locale, dalla scelta delle materie prime ai menù, passando per come sono riusciti a destreggiarsi durante la pandemia.

Giuseppe Ghione e sua moglie Rachele

Trattoria Perla Café, l’intervista di Mezzokilo.it: tutti i loro segreti 

Come avete incominciato la vostra attività?

Io ho iniziato nel ’90, così per scherzo. Ho sempre lavorato nei ristoranti, ma sono diplomato geometra.  Mio papà non poteva aiutarmi con l’università e combinazione c’era questo locale (La Perla ndr), che costava poco e ho detto: “Lo prendo, dopo due anni lo rivendo e poi mi iscrivo all’università con i soldi che guadagno”. Invece questo lavoro mi ha preso e siamo andati avanti. Abbiamo iniziato come bar, poi facendo qualche primo, ma quello che mi ha fatto stravolgere le idee è stato il corso che ho fatto nel 2000 dell’AIS, l’Associazione Italiana Sommelier. Lì ho aperto un po’ gli occhi e ho capito che dovevamo andare oltre il classico menù fisso a 8mila lire e puntare sulla qualità.  Il fatto di puntare sulla qualità è stato una cosa buona perché ho rifatto il locale in funzione di ciò e ci siamo appassionati a tutti gli alimenti e le bevande di un certo tipo. Tutti gli acquisti vengono poi fatti in funzione della qualità: ad esempio, senza nulla togliere alle farine commerciali, si usa di più la farina Petra (una farina macinata a pietra) .
Prima lavoravo con mio fratello, poi lui è andato via e ha ceduto le sue quote a mia sorella. Quando anche lei è andata via, ha ceduto le sue quote a Rachele. Alla fine siamo rimasti noi due: questo mestiere qui è davvero pesante perché devi fare un sacco di ore e dopo anni se non hai la passione molli.

La vostra è una conduzione famigliare: quali sono i pro e i contro?

I pro sono sicuramente tanti.  Prima della pandemia avevamo due dipendenti: una si è licenziata a dicembre lasciandoci proprio nella totale difficoltà. Lei ha lasciato, così alla fine siamo rimasti io, Rachele e la “storica”. Viene ad aiutarci poi Marta, la nostra figlia maggiore di 19 anni: tutti i venerdì e tutti i sabato sera o quando facciamo qualche serata o alla domenica ci viene a dare una mano, negli altri giorni invece frequenta l’università. Noi le abbiamo chiesto solamente due serate la settimana e ci dà una grossa mano.

I vostri 4 figli vi aiutano?

Gli altri per adesso niente. Marianna, che ha 14 anni, frequenta il liceo teatrale quindi è molto impegnata dalla mattina alle 8 fino alla sera alle cinque, poi fa gli allenamenti di atletica e quindi è molto presa. Michele, che ha 15 anni, non ne vuole sapere: lui è tutto per la natura, l’agricoltura, tutto un altro campo. Quando passa porta via le bottiglie, carica il frigo con l’acqua: fa questi lavoretti qua.

Com’è avete affrontato la pandemia e il periodo di lockdown in cui le attività erano chiuse?

Ci è andata abbastanza bene, perché una dipendente si era licenziata prima e ci è rimasta la dipendente storica che aveva molte ferie e permessi arretrati. Poi ha fatto un po’ di cassa integrazione e per quanto riguarda lei ce la siamo cavata così.
Lavorativamente ci siamo un po’ aggiustati: abbiamo cominciato a proporre dei menù d’asporto nei fine settimana, poi ho cominciato a vendere tutto il vino che avevo in casa. Alla festa della Mamma per esempio abbiamo proposto una delle mie crostate selezionate da cinque porzioni e tre croissant a 10 euro. Hanno risposto molto bene perché abbiamo fatto un’ottantina di consegne.
L’unico problema è stato proprio la consegna: per la preparazione puoi venire qui di notte e prepari, ma le colazioni erano tante e dovevamo consegnarle tutte tra le 8 e le 10. Poi tu pensi di conoscere tutte le vie del tuo paese e dei paesi limitrofi, ma non è proprio così: magari manca il nome sul campanello, non c’è la persona, la persona dorme, ritorna dopo…essendo comunque un po’ più vecchi del mestiere e quindi più conosciuti siamo andati ad attingere dove avevamo già fatto nel passato. Non abbiamo preso lo stipendio in quella situazione, ma ci siamo siamo “parati la schiena”.

Com’è stato riaprire e provare a tornare alla normalità?

Bellissimo. Perché chi ama questo mestiere, per quanta fatica tu faccia durante l’anno,  alla fine dopo tre giorni in cui sei a casa o sei in vacanza non vedi l’ora di riaprire. E’ il contatto con la gente che ti dà tanto, poi i nostri clienti sono tutte persone bravissime. Forse è adesso che il momento è di nuovo un po’ più difficoltoso perché devi controllare il Green Pass, c’è ancora un pochettino di paura, magari perdi anche del lavoro. Per esempio un cliente aveva prenotato una cena aziendale per trenta persone e una mattina me l’ha disdetta perché ci sono una quindicina di persone non vaccinate e quindi non possono venire.

Leggi anche: Bicerin, dove trovare il migliore e il più autentico di Torino


Adesso per esempio c’è il problema delle materie prime che non arrivano: io avevo un centinaio di panettoni venduti, ma non ci mandano il prodotto perché non hanno le materie prime. O meglio li manderebbero il 23 o il 24 dicembre, ma i nostri clienti quel tipo di panettone lo comprano per regalarli, perché sono prodotti di un certo valore.

Come nascono i vostri piatti?

Innanzitutto andiamo in giro a copiare dagli altri perché c’è sempre da imparare (ride ndr), sia dal tipo di servizio sia dai prodotti perché c’è un mondo veramente ampio sia di etichette di vini, di cibo, di prodotti e quindi i nostri piatti nascono un po’ dal vedere cosa fanno gli altri e poi li proviamo anche noi. Ad esempio il nostro tagliolino acciughe e nocciole “tirato su” morbido, saltato con le nocciole e il burro con l’acciuga spagnola sbriciolata dentro – usiamo solo la nocciola del Piemonte che sprigiona tutti i profumi – ce lo siamo inventati noi. Poi ci saranno anche altri che lo fanno, però è diverso fare il piatto con la nocciola del Piemonte rispetto alla nocciola turca che trovi al supermercato, perché non profuma. Poi per esempio la burrata pugliese o lo speck altoatesino con l’acciuga l’abbiamo visto in giro; è comunque molto importante l’alimento. Tutti possono fare il piatto con la burrata o lo speck,  ma la burrata deve essere quella “giusta”, lo speck deve essere quello altoatesino stagionato almeno 24 mesi, l’acciuga ci va o quella siciliana o quella del Cantabrico. Molto importante è l’abbinamento tra le materie prime, è come il vino: ci sono un sacco di “Dolcetti” a 3/4 euro  e quelli da 15.

I piatti li decidete tu e Rachele o è Rachele che ha l’ultima parola?

Il menù lo scegliamo insieme, ma sicuramente è Rachele che ha l’ultima parola. Lei passa tutta la mattina in cucina, anche io vado ritagliandomi del tempo. Poi durante il servizio passiamo in sala perché riteniamo che sia necessario che coccoliamo noi il nostro cliente. Poi Rachele magari va via alle quattro e io rimango qui a fare le basi per la mattina dopo, per esempio stasera faccio la fonduta e la crema pasticciera.
Rachele  comunque sceglie anche i menù quando ce lo chiedono per qualche cerimonia; prima lo facevo io, adesso ho delegato perché è molto più brava di me.

Come scegliete le materie prime?

Chi fa questo mestiere le sceglie in funzione della propria cultura e poi della propria clientela. Se tu hai una clientela che non vuole spendere, fai fatica. Dipende dalla cultura di chi c’è dietro al banco di chi c’è dietro ai fornelli: non è solo ‘io compro le materie prime e tu cucini’ è proprio la cultura di chi usa quel prodotto e di chi gestisce il locale. Poi il locale si fa da sé, man mano che cresce la gente capisce che quel locale usa quelle materie prime e fa quel tipo di mestiere. Perché siamo tutti colleghi, ma tutti facciamo cose diverse.

Alla Trattoria Perla Café c’è anche una cantina molto importante: come scegliete le etichette da proporre ai clienti? Come nasce l’abbinamento con il vostro menù?

Quello nasce da quando nel 1999/2000 ho fatto il corso dell’AIS, che consiglio vivamente a tutti perché ti cambia proprio la vita. Magari uno esce anche una volta in meno, ma magari ha il piacere di bere una bottiglia di un certo tipo piuttosto che un’altra. Quel corso lì mi ha aiutato nel fatto di assaggiare e abbinare mille cose, poi la strada è ancora lunga per abbinare un cibo a un vino. Secondo me magari ci va un Mastroianni – che è un Brunello – assieme al cinghiale, magari un altro ti dice ‘No, secondo me ci sta bene una Barbera di Pelissero’. Poi dipende dall’esperienza; bisogna conoscere anche tanto il cliente, quello abituale. Se sai che gli piace la Barbara, gli diciamo che la Barbera va bene, poi ogni tanto puoi osare.

Qual è il complimento che vi fanno di più i vostri clienti?

I clienti quando ti fanno un complimento e senti che è sincero è l’unica cosa che ti dice ‘andiamo avanti’. Non è il denaro, che è un mezzo per farti vivere bene per quello che hai bisogno. I complimenti sono sempre di più necessari per andare avanti con l’attività; quando ero più giovane non me ne importava molto, ma in questo momento è appunto quello che mi fa andare avanti. Poi al contrario se a volte mi dicono ‘però quel prodotto lì non mi ha garbato tanto’, devi capire dove hai sbagliato, magari devi sostituire un alimento con un altro e anche quello è un modo di crescere.

Trattoria Perla Café
Via Torino, 13, 10060 Candiolo TO
Telefono: 011 962 5491
giuseppe.ghione@alice.it

304 thoughts on “La Perla nascosta del Piemonte: la trattoria che vi lascerà senza parole

  1. May I simply say what a comfort to discover a person that genuinely understands what they are discussing over the internet.
    You actually realize how to bring an issue to light and
    make it important. A lot more people should check this
    out and understand this side of your story. It’s surprising you are
    not more popular given that you definitely possess the gift.

  2. What i don’t understood is actually how you are now not really a lot more well-appreciated than you may be right now.
    You’re so intelligent. You know thus considerably in terms of this
    subject, produced me in my opinion believe it from so many numerous angles.

    Its like men and women are not involved unless it is one thing
    to accomplish with Woman gaga! Your individual stuffs great.
    At all times care for it up!

  3. Hi my friend! I want to say that this post is amazing, great written and
    include almost all important infos. I would like to look more posts like this .

  4. Hey I know this is off topic but I was wondering if you knew of
    any widgets I could add to my blog that automatically tweet
    my newest twitter updates. I’ve been looking for a plug-in like this for quite some time and was hoping
    maybe you would have some experience with something like this.

    Please let me know if you run into anything.

    I truly enjoy reading your blog and I look forward to your
    new updates.

  5. Excellent items from you, man. I’ve consider
    your stuff previous to and you’re just extremely excellent.
    I actually like what you have bought here, certainly like what you’re saying and the best way during which you say it.
    You’re making it enjoyable and you continue to care for to stay it smart.
    I cant wait to read far more from you. This is really a terrific website.

  6. Asking questions are genuinely good thing if you are not understanding something completely, except this paragraph provides good
    understanding yet.

  7. With havin so much written content do you ever run into any problems of plagorism or copyright infringement?
    My blog has a lot of exclusive content I’ve either written myself or outsourced but
    it looks like a lot of it is popping it up all over the web without
    my permission. Do you know any techniques to help reduce content from being stolen? I’d
    definitely appreciate it.

  8. I was suggested this web site by way of my cousin. I’m not sure whether
    or not this put up is written by him as nobody else realize such distinct about my trouble.
    You’re incredible! Thank you!

  9. Pingback: 1electronics
  10. dissertation writing services reviews
    [url=”https://bestdissertationwritingservice.net”]custom dissertation writing help[/url]
    doctoral dissertation help qualitative

  11. Can I just say what a comfort to uncover somebody that truly
    knows what they’re discussing online. You definitely understand how to bring
    an issue to light and make it important. More people ought to look at this and understand
    this side of your story. I was surprised that you aren’t more popular given that you most certainly have the gift.

  12. Hey I know this is off topic but I was wondering if you knew of any
    widgets I could add to my blog that automatically tweet my newest twitter
    updates. I’ve been looking for a plug-in like this for quite some time and
    was hoping maybe you would have some experience with
    something like this. Please let me know if you run into anything.
    I truly enjoy reading your blog and I look forward to your new updates.

  13. Pingback: online casino nj
  14. I’m really enjoying the design and layout of your website. It’s a
    very easy on the eyes which makes it much more pleasant for
    me to come here and visit more often. Did you hire out a designer to
    create your theme? Fantastic work!

  15. Pingback: hola vpn free
  16. Pingback: vpn router buy
  17. Pingback: chrome vpn
  18. Pingback: pcmag best vpn
  19. An outstanding share! I have just forwarded this onto a colleague who was conducting a little research on this.
    And he in fact ordered me dinner simply because I discovered it for him…
    lol. So allow me to reword this…. Thank YOU
    for the meal!! But yeah, thanx for spending the time to discuss
    this matter here on your web site.

  20. You are so awesome! I do not suppose I have read anything like that before.

    So great to find somebody with a few unique thoughts on this subject matter.
    Really.. thanks for starting this up. This site is one thing
    that’s needed on the internet, someone with a bit of originality!

  21. I blog quite often and I truly thank you for your content.
    This article has truly peaked my interest.
    I’m going to book mark your website and keep checking for new information about once per week.

    I opted in for your RSS feed as well.

    My web site: special

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.