Quattro Ristoranti, capelli nel piatto e sputi: la verità sul caos durante il programma

Nuovi problemi durante la messa in onda del programma Quattro Ristoranti: che caos nella prima puntata con Alessandro Borghese

borghese

Pochi giorni fa è andata in onda la prima puntata della nuova edizione di Quattro Ristoranti con Alessandro Borghese che ha fatto tappa nell’Astigiano. C’è stato così uno scontro verbale importante con il ristorante Fabio Fassio, proprietario dell’osteria La signora in rosso, che ha svelato ai microfoni di Fanpage.it, ciò che è realmente accaduto dopo il capello nel piatto della collega Manuela Scavino. Così lo stesso ristoratore ha svelato: “Quando il piatto arriva a tavola la signora si accorge della presenza del capello, che comunque non era nella pietanza, ma sul bordo del piatto. Come ci è finito? Onestamente non lo so, ma io sono calvo, così come il cameriere che lo ha servito ed entrambi i cuochi in cucina. La signora stessa ha ammesso che potesse anche trattarsi di un suo capello…”.

Leggi anche –> Quattro Ristoranti: tutti retroscena dello show di Alessandro Borghese

Così c’è stata un’accusa nei suoi confronti visto che non ha ordinato di portare via quel piatto: Fassio ha rivelato di aver commesso un errore giustificandosi vista la presenza delle telecamere che l’hanno messo in apprensione.

Quattro Ristoranti, la verità durante la prima puntata

Successivamente lo stesso Fassio si è seduta alla tavola della collega Daniela Solive della Premiata osteria dei fiori e a quella dell’Agriturismo La Tère Ruse dando così giudizi pesanti: “La verità è che sono stato me stesso. Sono stato il primo ad essere giudicato e si sa, il primo turno scandisce i toni dell’intera puntata”. Poi ha aggiunto: “Con me sono sono stati molto severi, così ho deciso di esserlo altrettanto con loro”. Inoltre, durante la puntata si è visto che ha sputato più volte: “A La Tère Ruse l’ho fatto due volte, ma una sola nel piatto. In puntata non è chiaro perché hanno unito le immagini in fase di montaggio, ma il primo boccone era una lumaca semi cruda e non spurgata. Ho sentito il nervo in bocca, ho avuto un conato, è stata una reazione istintiva. La seconda volta invece si trattava del tonno di coniglio, che non ho affatto gradito, ma che ho sputato nel tovagliolo, da persona civile”.

Leggi anche –> Bruno Barbieri, quanto costa mangiare nei suoi ristoranti: menù e prezzi

Nonostante le numerose polemiche Fabio Fassio ha rivelato di non essere stato pentito di aver partecipato allo show di Alessandro Borghese: “Non ho assecondato le scelte di nessuno, anzi. Ho deciso di essere me stesso, come ho già spiegato a tutti gli hater”.

Borghese 4 ristoranti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.