Simone Buzzi, la disavventura sul treno: cosa è successo allo chef

0
454

Lo chef Simone Buzzi ha avuto una disavventura sul suo treno e l’ha raccontata ai suoi follower su Instagram: ecco di cosa si tratta.

Le piccole disavventure della vita capitano a tutti, anche ai grandi e famosi chef! Simone Buzzi ne ha vissuta una durante il suo viaggio in treno e ha deciso di raccontarla ai suoi follower su Instagram. Lo chef gourmet, diventato noto al grande pubblico per la sua partecipazione a “È sempre mezzogiorno” di Antonella Clerici, ha voluto condividere con i suoi numerosi fan un momento di sconforto, vissuto con grande ironia e simpatia dallo chef. Ecco cosa è successo.

Simone Buzzi e la disavventura sul treno

I grandi chef gourmet naturalmente tengono molto a quello che consumano, anche nei momenti in cui sono lontani dalla cucina. Ma una piccola disavventura culinaria può capire anche ai più grandi! Simone Buzzi ha voluto condividere con grande ironia un piccolo momento di sconforto alimentare con i suoi follower su Instagram, durante un suo viaggio in treno. Il tutto ha a che fare con un pranzo light che lo chef non ha gradito per niente e gli ha fatto rimpiangere un bel piatto di pasta.

Leggi anche–> Pausa pranzo tra Draghi e Merkel nel cuore di Roma: ecco il menù stellato

La mia faccia la dice proprio lunga” – ha scritto lo chef stellato su Instagram – “oggi pranzo sul treno con questo buonissimo disco volante che ricorda la consistenza della sabbia e un leggero sapore di verdura…tempo per finirlo dai 20 ai 30 minuti, acqua per deglutire 1 litro.” Questa la descrizione del post che lo ritrae con quello che sembra effettivamente un disco volante accompagnato da verdure.

Leggi anche–>Aurora Ramazzotti, la teoria stravagante sulla dieta: “Pensa sempre al cibo”

I commenti di “buon pranzo” si sono sprecati sotto la foto, con grande ironia da parte dei follower dello chef che hanno assecondato la sua simpatia nel vivere i piccoli dispiaceri quotidiani, come un pasto andato male.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here