Jannick Sinner, il talento e i segreti in allenamento: l’alimentazione per rimanere in forma

0
286

Jannik Sinner, chiamato all’ultimo per sostituire l’infortunio Matteo Berrettini all’Atp Finals, ha vinto il primo incontro e affronta questa sera Medvedev.

Sinner

Ancora protagonista Jannik Sinner. Il tennista, originario dell’Alta Pusteria in Alto Adige, è protagonista all’Atp Finals dopo esser stato chiamato per sostituire Matteo Berrettini. Il potenziale campione italiano sta continuando a sbalordire tutti mettendo in campo tutto il suo talento. Il potenziale è davvero enorme, ma all’inizio è stato anche un piccolo campione nello sci per poi scegliere successivamente uno sport completamente diverso.

Leggi anche –>  Novak Djokovic, i segreti della sua forza: tutto sull’alimentazione vegana

Tutto è iniziato a Bordighera con il maestro Riccardo Piatti fino a sbarcare nel mondo dei grandi andando a vincere la Next Gen Finals. Il suo corpo è molto esile e intende così lavorare proprio su quest’aspetto scegliendo così anche Technogym per quanto riguarda la preparazione.

Sinner, la chiave del successo

Il suo programma di allenamento è stato improntato sulla resistenza come ha svelato ai microfoni di Gqitalia: “È una questione di crescita. Se vai avanti in un torneo, diventa fisicamente dura. Nei Grand Slam giochi tre ore, se vinci devi essere pronto a farne altre tre il giorno successivo”. Poi ha aggiunto: “Devo migliorare la forza. Non sarò mai The Rock, rimarrò magro, l’obiettivo è diventare un po’ più muscoloso”.

Leggi anche –> Matteo Berrettini, la chiave del successo: educazione alimentare speciale, di cosa si tratta

Un cambiamento improvviso visto che si è appassionato di tennis soltanto più avanti: “Fino a tredici anni non sapevo niente. Ho recuperato, guardo le partite del passato con Piatti. Soprattutto Djokovic e Federer alla mia età, per capire a che punto sono io, dove migliorare”. In questi mesi ha lavorato anche sulla testa: “Piatti lo ha potenziato. In allenamento mi crea problemi e io devo trovare le soluzioni. Se sto giocando bene, mi dice: ‘Okay, ora giochi il set con un solo servizio e vediamo come ti tiri fuori di lì’. Si tratta di indirizzare lo stile di ragionamento. Il controllo delle emozioni è la mia natura”.

Sinner

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here