Che fine ha fatto Kaori, la Giapponese dello spot della Philadelphia

0
346

Più che uno spot un vero e proprio, siamo di fronte a un filone narrativo corposo e dedicato al personaggio della ragazza giapponese Kaori.

Erano i primi anni ’90 quando l’attrice Kelly Hu comparve nello spot Philadelphia impersonando una ragazza alla pari di provenienza giapponese che veniva ospitata da una famiglia italiana tradizionale.

Leggi anche–> Conosci i Percebes?La bevanda della salute è il Golden milk

Parlava poco Kaori; ma grande spazio era riservato ai tanti cliché sulla ragazza straniera. Kaori era goffa e simpatica, la sua presenza era sempre sottolineata da un jingle di suono orientale e si mostrava ironica nel pronunciare poche parole in italiano, storpiando gli accenti e apparendo come assolutamente piacente nei confronti della sperimentazione del buon cibo nostrano. In questo caso rappresentato dal gusto del famoso  formaggio spalmabile.

Leggi anche–> Pasta e nutella, la nuova moda bizzarra- Lasagna di mare, buona e leggera

Cosa fa oggi Kaori? Vediamo insieme

Kelly Hu è un’attrice americana di origini cinesi, hawaiane e inglesi. È nata nel febbraio 1968 a Honolulu e fin da subito ha cominciato a lavorare come modella nel mondo delle passerelle. Partecipa a Miss Teen Usa, vincendo il titolo nel 1985 e diventando la prima modella di origine asiatica a vincere una competizione del genere. Lavora quindi in Giappone e in Italia, dove diviene famosa per interpretare Kaori nel celebre spot.

In seguito ha intrapreso un’attività imprenditoriale lanciando una linea di profumi e un brand di abbigliamento. Glam Mag nel 2014 l’ha nominata l’attrice più sexy del mondo. Ad oggi non risulta essere sposata e non ha mai avuto figli, ma nel corso della sua carriera che le ha permesso di guadagnarsi la fama di una delle attrici più sexy al mondo non sono mancati gli amori. Kelly Hu infatti è stata legata per alcuni anni al banchiere Ahmad Ali Moussaul e dopo la rottura avrebbe iniziato una relazione con il suo manager, il produttore Gordon Gilberstan.

foto da Canva

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here