Usa questo ingrediente per non far scurire la panatura della tua cotoletta

0
150

Ogni volta che cuocete la cotoletta per i vostri figli, il risultato è sempre pessimo, perchè non riuscite a dargli quel colore dorato.

foto da adobe

A dispetto degli hamburger e delle catene di fast food, il secondo piatto più diffuso nei menu per bambini della penisola italiana è senza dubbio la cotoletta. Il perché è presto detto: la cotoletta, croccante e incredibilmente saporita, dorata come un giorno di festa, piace praticamente a tutti.

Leggi anche–> Elisabetta Canalis, l’invidia della suocera di 93 anni: “Autostima addio

Cotoletta o costoletta? Alla milanese o alla bolognese? E perché non viennese o siciliana? In fin dei conti, quando si parla di cotoletta, indipendentemente da come si prepara e dal taglio che si sceglie, si fanno sempre contenti tutti. Se, infatti, la più famosa è quella lombarda, ne esistono altre, nate dopo o anche prima, altrettanto gustose, e ognuna con una golosa caratteristica.

Leggi anche–> Polenta con la spuntatura perfetta? Ecco un piccolo segreto da scoprire

Ma veniamo al dunque, come bisogna cuocere la cotoletta senza farla diventare scura, cosa dobbiamo usare per fare una cottura dorata a regola d’arte? Per fare la vera cotoletta alla milanese bisogna usare il burro chiarificato, solo così otterrete una frittura dorata perfetta. Il processo di chiarificazione del burro serve a separare la parte grassa dalla proteina del latte, attraverso l’evaporazione dell’acqua che va a dividere da un lato le proteine e dall’altro la massa lipidica. Mettete il burro in un tegame, cuocete a fuoco lento, appena sarà sciolto, togliete con un cucchiaio tutta la schiuma che vedrete in superficie. Ora potrete cuocere le cotolette panate. Fate friggere per due o tre minuti per lato. Quando il colore sarà dorato, potete sollevarle dalla padella e metterle ad asciugare su un piatto foderato con della carta assorbente. Salate, aggiungete o meno la fettina di limone e portate in tavola la pietanza ben calda.

foto da adobe

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here