Omelette: scopri subito tutti i segreti importanti per avere un risultato impeccabile

0
655

Quante volte ti capita di avere voglia di un omelette, ma la preparazione ti spaventa? Oggi vi spiegheremo tutti i segreti per farla perfetta.

Ma quant’è buona l’omelette? Ideale per fare un pasto unico e veloce. Fate attenzione a non confondere la frittata con l’omelette, sono sue cose molto distinte tra loro. Vediamo subito insieme la differenza

foto da adobe

Le omelette sono un piatto tipico della cucina francese fatta a base di uova. Sono molti a confondere l’omelette con la frittata, perchè sono due preparazioni apparentemente molto simili. Nella frittata bisogna mescolare le uova con altri ingredienti e fare una cottura solida e asciutta. Nel caso dell’omelette invece bisogna agire diversamente. la cottura deve essere molto indietro, l’interno deve essere liquido “bavoso”, gli ingredienti vanno aggiunti prima della temuta chiusura.

Omelette a regola d’arte; ecco tutti i consigli

Le prime regole da rispettare rigorosamente sono la quantità delle uova e la padella giusta. Anche i migliori chef consigliano che per ottenere un omelette perfetta bisogna usare 3 uova, il tegame invece deve essere di 24 cm di diametro e i bordi di almeno 5 cm e antiaderente, questo servirà per chiudere perfettamente l’omelette. Usare assolutamente uova freschissime, versate 3 uova in una ciotola di vetro, aggiungete del formaggio grattugiato questo servirà da collante e mentre cuoce la terrà compatta. Mescolate con una frusta e aggiungete sale e pepe.

Leggi anche–> Vino, le sue caratteristiche: fa bene anche ai capelli, ma attenzione

foto da adobe

Ora prendete il tegame dai bordi alti, aggiungete una noce di burro fate sciogliere su tutta la superficie ma soprattutto sui bordi, questo passaggio servirà a non far attaccare le uova e avere un ottima riuscita. Coprite con un coperchio e usate la fiamma bassa, quando la superficie non è più lucida e cruda; sollevate il coperchio e con una paletta antiaderente alzate la vostra omelette per capire se è pronta.

Leggi anche–> Barbieri non ci sta e va su tutte le furie: solo Cannavacciulo riesce a placare gli animi

Potete farcire come più vi piace; il nostro condimento preferito è funghi porcini e gorgonzola al mascarpone. Ma i condimento possono variare, da quella classica prosciutto e formaggio, oppure tonno, salmone e rughetta insomma lasciate spazio alla vostra fantasia. E’arrivato il momento della chiusura dell’omelette, se siete pratici potete iniziare a dare dei colpetti sul manico del tegame facendo in modo di arrotolare l’omelette. Per i principianti è meglio usare una spatola, e quando vedrete i bordi che diventano leggermente bianchi iniziate a sollevare metà parte dell’omelette in modo da sovrapporlo all’altra metà.

foto da adobe